Dal 13 al 20 gennaio riflessioni e approfondimenti

20 anni dalla morte di don Renzo Beretta

«Un prete “di frontiera”, che lavorava con il Vangelo in mano». Così è stato definito don Renzo Beretta, il parroco di Ponte Chiasso del quale, domenica 20 gennaio, ricorre il ventesimo anniversario della tragica morte. L’impegno di don Renzo per gli ultimi è tema di spiazzante attualità. La sua morte non fu vana. Da quel fatto tragico, in città e in diocesi, si sviluppò l’esperienza dei Centri di Ascolto Caritas e dei diversi servizi di aiuto. Per ricordare don Renzo, che prima di tutto fu un sacerdote generoso, un pastore attento alle persone a lui affidate e che seppe fare determinate scelte di vita proprio per il modo in cui fu prete, sono in programma alcune iniziative, promosse dalla collaborazione della parrocchia di Ponte Chiasso, dei Vicariati della città di Como, della diocesi e degli Uffici di Pastorale (a partire da Caritas e da Migrantes).

Sarà una settimana di riflessione e ricordo che andrà sotto il titolo di

“Don Renzo, 20 anni di profezia”.

Si inizia domenica 13 gennaio, alle ore 18.00, con la Santa Messa presso la chiesa parrocchiale di Ponte Chiasso. Presiederà don Emanuele Corti ed è invitato a partecipare, in modo particolare, il Vicariato di Monte Olimpino.

Da martedì 15 gennaio, sempre a Ponte Chiasso, sono in programma tre serate di approfondimento, a partire dalle ore 20.45. Ogni appuntamento avrà un tema e sarà introdotto da un brano della Parola di Dio, con una breve Lectio.

* Il 15 gennaio, con “Don Renzo e… il sacerdozio”, testimonianze su don Renzo “prete”. Il commento al brano della Parola è affidato a don Tiziano Raffaini, che fu vicario di Ponte Chiasso con don Beretta parroco. Porteranno la loro testimonianza: Paolo Bustaffa (giornalista, sull’esperienza della scuola di Solzago, dove don Renzo fu parroco dal 1963 al 1984, ispirata a don Lorenzo Milani); Annamaria Cantaluppi (catechista della parrocchia di Ponte Chiasso); Linda Cavadini (oggi docente di Lettere presso l’Istituto Comprensivo di Como Prestino-Breccia: parlerà della sua esperienza di giovane cresciuta in Oratorio con don Renzo); e Maria Castelli (giornalista, interverrà su don Beretta uomo e prete, una conoscenza personale e il racconto dei mezzi di informazione).

* Il 16 gennaio sarà la volta di “Don Renzo e… l’attenzione ai poveri”. La Lectio divina è affidata a don Giuseppe Romanò, direttore spirituale presso il Seminario diocesano. Questa serata sarà raccontata attraverso le voci della Caritas. Interverrà monsignor Battista Galli, direttore della Caritas della diocesi di Como dal 1993 al 2002. Si

alterneranno testimonianze di volontari e operatori che parleranno dei servizi Caritas ieri e oggi. Porterà il suo saluto anche don Giusto Della Valle, come referente diocesano dell’Ufficio Migrantes.

* Poi il 17 gennaio con “Don Renzo e… l’orizzonte sul mondo”. La Lectio è a cura di monsignor Angelo Riva, direttore de “Il Settimanale della diocesi di Como”, docente di Teologia morale presso il Seminario, direttore dell’Ufficio diocesano comunicazioni sociali e delegato vescovile per la cultura. A parlare sarà il parroco di Ponte Chiasso, don Angelo Pavesi, per 25 anni cappellano militare prima degli Alpini, poi dell’Arma dei Carabinieri, infine della Guardia di Finanza. Don Angelo racconterà delle povertà nel mondo e dei conflitti (che contribuiscono a causare le masse di migranti e profughi) a partire dalla sua esperienza di assistente spirituale dei militari italiani impegnati nelle missioni umanitarie in Bosnia, Iraq e Afghanistan.

* Infine venerdì 18 gennaio è in programma la celebrazione della “Via Crucis”, con i testi scritti da don Giovanni Valassina, compagno di Messa di don Renzo. La preghiera sarà animata dai parrocchiani di Ponte Chiasso. Ci sarà la possibilità, per chi lo desidera, di accostarsi al sacramento della Riconciliazione.

Domenica 20 gennaio, giorno dell’anniversario della morte di don Beretta, alle ore 17.30, verrà celebrata la Santa Messa di suffragio, presieduta dal Vescovo monsignor Oscar Cantoni. Al mattino la comunità parrocchiale di Ponte Chiasso, come tradizione ogni 20 gennaio da vent’anni a questa parte, celebrerà la Santa Messa presso il cimitero di Monte Olimpino, all’altare di fronte alla tomba di don Renzo. Quest’anno, considerata la coincidenza della domenica, l’orario è quello della Santa Messa parrocchiale, alle ore 10.30.

Durante tutta la settimana sarà a disposizione la pubblicazione “Arriverà il Signore come mio Padre” in memoria di don Renzo. Un libretto molto agile che riporta alcuni testi a firma dello stesso don Renzo, a partire dal suo testamento spirituale, e ricordi di chi lo ha conosciuto e gli è stato vicino. La pubblicazione sarà in distribuzione a titolo gratuito ma con il suggerimento di lasciare una piccola offerta: il ricavato sarà a favore di un’opera Caritas. Nello specifico si tratta di sostenere le spese per il tendone aggiuntivo di “Emergenza Freddo” presso il chiostro del Centro Pastorale Cardinal Ferrari di Como. A illustrare il perché di questa scelta una piccola didascalia: “Come se i poveri continuassero a bussare alla sua porta – Nel ricordo di don Renzo, con la vostra offerta contribuirete al progetto “Tensostruttura” della Caritas diocesana che, per tutto l’inverno, offre gratuitamente a Como un letto caldo a 45 persone ogni notte”.

 

Per favorire al meglio la celebrazione eucaristica del 20 gennaio, i sacerdoti che desiderino concelebrare possono comunicarlo al parroco di Ponte Chiasso don Angelo Pavesi; mentre per venerdì 18 gennaio si chiede ai sacerdoti di partecipare e, anche in questo caso, di segnalare a don Angelo Pavesi la disponibilità a confessare i fedeli. Indirizzo mail: parrocchia.ponte.chi@alice.it; oppure il telefono 3391112505