Emergenza Coronavirus: le modifiche ai servizi Caritas attivi nella città di Como

In questo momento di emergenza che tutti stiamo vivendo ci troviamo nella difficile condizione di dover tenere insieme due esigenze: da una parte il senso di responsabilità nei confronti della collettività e il dovere di rispettare i decreti delle autorità ci spingono a limitare il più possibile gli spostamenti e prendere tutte le precauzioni possibili per proteggere la salute delle persone; dall’altro non possiamo però dimenticare quanti, già prima dell’emergenza, vivevano situazioni di fragilità e rischiano di essere ulteriormente colpiti da questa situazione. Pensiamo ai più poveri, in particolare ai senza tetto, che non possono tener fede all’impegno #stateacasa perché purtroppo non hanno una dimora.

Abbiamo cercato di farlo, fin dai primi giorni dell’emergenza, adeguando i nostri servizi, che non si sono mai fermati, e l’attività di volontari e operatori Caritas.

Nei giorni scorsi si sono rese necessarie ulteriori misure e in particolare, di concerto con il Comune di Como e grazie a un dialogo intenso con il sindaco Mario Landriscina e l’assessore Elena Negretti, è stata presa la decisione di estendere gli orari di apertura dei dormitori presenti sul territorio del comune di Como.

Questo per permettere alle persone, anche a fronte della chiusura dei Centri diurni avvenuta nei giorni scorsi, di avere un luogo dove poter stare.

Le modifiche – entrate in vigore da lunedì 16 marzo – possono essere riassunte come segue:

– Dormitorio comunale di via Napoleona (gestito dalla Fondazione Caritas): apertura dalle 17.00 (anziché dalle 20.00) fino alle 11.00 (anziché alle 8.00).

– Dormitorio di via Sirtori denominato “Emergenza Freddo” (gestito dalla rete Vicini di Strada): apertura dalle 17.00 (anziché dalle 20.00) fino alle 11.00 (anziché alle 8.00).

– Dormitorio dei Comboniani di Rebbio (gestito dalla Fondazione Caritas in collaborazione con la parrocchia di Rebbio): apertura dalle 17.00 (anziché dalle 20.00) fino alle 11.00 (anziché alle 8.00).

– Tensostruttura di via Sirtori (gestita dalla Fondazione Caritas con la collaborazione di Como Accoglie): apertura dalle 17.00 (anziché dalle 20.00) fino alle 11.00 (anziché alle 8.00).

Questo corrisponde a un’estensione del servizio di sei ore, passando da 12 a 18 ore al giorno.

Sempre a tutela degli ospiti e della collettività si è inoltre deciso di ridurre il più possibile il contributo – seppur preziosissimo – offerto dai volontari che, pur nell’emergenza, hanno sempre mostrato la disponibilità di dare una mano. Per farlo la Fondazione Caritas sta provvedendo all’assunzione temporanea di nuovi operatori.

In particolare per i dormitori legati al “Piano Freddo” – via Sirtori e Tensostruttura – si conferma, seppur ridotta, la preziosa collaborazione dei volontari di “Como Accoglie” e di “Vicini di Strada” la rete degli enti e delle associazioni perla grave marginalità.

GLI ALTRI SERVIZI

Si comunica inoltre che la distribuzione dei pasti continua a essere fornita tramite sacchetti, così da limitare il più possibile assembramenti e contatti ravvicinati tra persone.

Il servizio Porta Aperta di coordinamento dei servizi cittadini legati alla grave marginalità è attivo ma solo via telefono e per urgenze al numero 031267010 (lo sportello è chiuso al pubblico).

Il Centro di Ascolto Caritas di Como – chiuso al pubblico – è contattabile telefonando ai seguenti numeri 0313370222 – 3714658609 (anche via whatsapp) nei consueti orari: lunedì dalle 15.00 alle 18.00; mercoledì e sabato dalle 9.00 alle 12.00.

Le misure introdotte resteranno tali fino a nuova comunicazione.

Da parte della Caritas un grazie sentito a quanti si stanno impegnando per far fronte a questa situazione certamente difficile.

Caritas diocesana di Como

Fondazione Caritas Solidarietà e Servizio onlus