26 marzo 2020

Giovedì della IV settimana di Quaresima

Segno di Croce

Dal libro dell’Esodo (Es 32,7-14)

In quei giorni, il Signore disse a Mosè: «Va’, scendi, perché il tuo popolo, che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto, si è pervertito. Non hanno tardato ad allontanarsi dalla via che io avevo loro indicato! Si sono fatti un vitello di metallo fuso, poi gli si sono prostrati dinanzi, gli hanno offerto sacrifici e hanno detto: Ecco il tuo Dio, Israele, colui che ti ha fatto uscire dalla terra d’Egitto». Il Signore disse inoltre a Mosè: «Ho osservato questo popolo: ecco, è un popolo dalla dura cervice.

Padre nostro

Preghiera:

Signore, ti prego perché l’Africa conosca Te e il Tuo Vangelo.

Suscita in essa discepoli secondo il tuo cuore:

uomini di fede e di umiltà,

di ascolto e di dialogo,

i quali vivano per Te, con Te, e in Te.

Accorda ai missionari

la pazienza delle prove,

la gioia nelle contrarietà,

l’amore per i poveri

e per i sofferenti,

la ricerca della giustizia e della pace.

Fa’ che vivano in semplicità di vita

e in comunione fraterna.

Dona loro la felicità

di veder crescere nuove Chiese

e di morir nel tuo servizio.

Amen.

Oggi:

Verso la fine dello scorso anno scolastico durante una visita in una delle nostre scuole il direttore ci aveva presentato il caso di Pauline, una bambina di circa undici anni che frequentava la seconda elementare e che faceva troppe assenze, ma non per pigrizia o perché non le piacesse la scuola.

Alcuni anni fa è stata morsa da un cane, ma a causa della mancanza di soldi da parte della famiglia per poterla sottoporre a cure adeguate è rimasta zoppa e percorrere la lunga distanza che separa casa sua dalla scuola è un vero problema, per lei camminare è un grande sforzo.

Come poterla aiutare? I familiari ci chiedevano un triciclo ma a noi, dopo aver parlato e fatto vedere il caso anche a dei fisioterapisti, non sembrava la soluzione migliore. Siccome è bene che con questa gamba faccia esercizio abbiamo pensato perché non una bicicletta? Così può andare a scuola senza problemi e nello stesso tempo tenere la gamba in movimento.

E così a metà novembre Pauline, che quest’anno frequenta la terza elementare, ha ricevuto un regalo di Natale un po’ anticipato, una due ruote viola, rosa e bianca, che non appena avrà imparato ad utilizzare bene le permetterà di frequentare la scuola senza problemi.

Coraggio Pauline, ti auguriamo di pedalare sempre più veloce per poter andare lontano nella vita.

Fratel Mussi Fabio

Missionario del PIME in Camerun