1 aprile - Como

Pasqua

Non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti“: questo è il realistico commento di s.Giovanni dinanzi alla scoperta della tomba vuota nel sepolcro di Cristo. Un momento vissuto insieme a Pietro, il  primo giorno della settimana, quando, insieme, accorsero, trepidanti e preoccupati, al sepolcro di Cristo, credendo che il corpo di lui fosse stato trafugato, come aveva riferito loro Maria di Magdala. Entrambi erano impreparati alla risurrezione del Signore, così come si sarebbe manifestata, incapaci di andare oltre le loro certezze, non sapendo cosa comportasse per il loro Maestro “risorgere dai morti”. “Vide e credette“. Cosa vide?

Per rivelazione divina, Giovanni, vedendo il sepolcro vuoto, con i teli posati e il sudario, crede a tutto ciò che era stato predetto dai profeti nelle Scritture circa Gesù di Nazareth, Messia di Israele e Salvatore. Credette a quanto Gesù aveva annunciato ai suoi discepoli, ossia che sarebbe stato ucciso, ma il terzo giorno sarebbe poi risorto, reso cioè Signore dei vivi e dei morti, giudice della storia. È’ ciò che riferisce anche Pietro, nella prima lettura, quando afferma che il Signore “ci ha ordinato di annunciare al popolo e di attestare che egli è il giudice dei vivi e dei  morti, costituito da Dio”.

Successivamente i discepoli avrebbero vissuto la dolce esperienza dell’incontro con Gesù, e tornati in Galilea, su invito stesso del   Signore, riferito dalla Maddalena, avrebbero riflettuto e compreso gli eventi pasquali, alla luce di ciò che avevano visto e udito. Proprio  a partire dalla prima chiamata in Galilea, essi stessi avevano assistito a tutto ciò che il Signore aveva detto e vissuto, incontrando i poveri, sanando i malati e perdonando i peccatori.

Per tre volte i vangeli riferiscono l’avvertimento di Gesù ai suoi discepoli, che cioè Egli sarebbe stato consegnato nelle mani dei suoi nemici, sarebbe stato ucciso, ma che poi sarebbe resuscitato: un annuncio, questo,  particolarmente duro da comprendere e da accettare, come appunto torna a riferire Giovanni nel suo Vangelo: “non avevano ancora compreso la Scrittura”.

La testimonianza degli Apostoli che hanno incontrato il Signore fonda la nostra fede in Lui, che  oggi viene incontro a noi  come Risorto, vincitore del peccato e della morte nei segni sacramentali e si rivela come vivente Signore, donandoci il suo Spirito, soprattutto nel sacramento della Riconciliazione e massimamente nella Eucaristia, quando il Signore viene in noi e fa di noi il luogo della sua dimora. Accogliamo quindi il Signore Gesù che continua ad essere presente e vivo nella nostra storia e nella nostra vita. Riconosciamolo come il nostro Salvatore, in quanto, liberandoci dal peccato e da ogni male, ci permette la piena comunione con Dio padre e con noi, suoi fratelli. Egli ci dona il suo Spirito consolatore con cui vivere una vita riconciliata con noi stessi, con i fratelli e le sorelle che ci sono accanto e con Dio. La sua presenza metta in fuga la tristezza, ogni scoraggiamento. Il frutto di questa Pasqua sia la gioia vissuta in pienezza, nella piena fiducia nel Risorto, che fa di noi dei testimoni della sua risurrezione.